None of the above

E così teniamoci la mano tutti assieme saltando felici e salutando l’arrivo, o il ritorno, del nucleare tricolore. Ci voleva. Giornali ne parlano sempre di più, il Tg te la butta lì, dicendo che sì può, che sarà il futuro. Ti dicono di crederci. D’altronde ci voleva perché l’Italia ha molti posti per smaltire il combustibile esausto, d’altronde si sa, mica siamo un Paese piccolo, qui ci sono ampi deserti inospitali e inabitabili con profonde cave di sale, lo sanno tutti. Ci voleva perché chi è preposto al progetto avrà già sicuramente pensato a dove metterle, sarà sicuramente informato molto bene, proprio come lo era Casini quando Rubbia provava a spiegargli due cose, qui nessuno s’improvvisa nulla ed è attento a imparare da chi è più competente in materia, dagli esperti indipendenti da eventuali interessi. Ci voleva perché qui i politici ne sanno a pacchi e non si nascondo dietro i “Sono un politico e prendo decisioni politiche, mica un tecnico!”. Ci voleva perché qui non c’è il pericolo di infiltrazioni mafiose nelle opere di una certa entità, laddove son presenti grandi interessi e possono circolare enormi finanziamenti. Ci voleva perché questo non è un Paese soggetto a scosse sismiche. Ci voleva perché non siamo una di quelle nazioni in cui mancano gli stabilimenti per il trattamento di materiale radioattivo, in cui manca il ‘know how’.

Pfùi, meno male, per fortuna non viviamo in un posto di questo genere. Che non succede, intanto. Parlano infatti di nucleare sicuro. Certo che esiste il nucleare sicuro, basta tenerlo fuori dall’Italia, casomai, e comunque neanche quello.

Intanto chi ha fatto nucleare nei decenni scorsi si trova a dover pensare un messaggio che duri per almeno 10.000 anni. Che forse ‘ste cose son talmente vicine al limite della pensabilità che le sentiamo lontane, lontane. Bazzeccole, sciocchezze, io voglio il condizionatore acceso quando fa caldo, chemmifrega del tempo di dimezzamento del plutonio. 

Cameco, una delle maggiori compagnie produttrici di HEU (uranio arricchito: il combustibile) ha fornito i dati, (via archivio nucleare) nel 2006, dell’andamento del suo prezzo sul “mercato”, neanche a dirlo triplicato in tempi piuttosto brevi. Qualcosa ci può dire che non diminuirà. Il problema, semplicemente, si sposta.

Oh sì, già sento dentro di me una schiera che invoca giustizia e l’orecchi mi riempie, che dal petto fremente dei giusti dà voce all’obiezione. Tutti in piedi, ora!  “La dipendenza energetica dell’Italia dalle altre nazioni è insostenibile, noi comperiamo gas da quelli lì, petrolio da quelli là, carbone dagli altri.”

O grulli! Quante miniere di uranio ci sono in Italia? 

Annunci

7 commenti

Archiviato in irreale

7 risposte a “None of the above

  1. dadenslow

    eheh e la cosa bella è che sono talmente sicure che non c’è nemmeno una compagnia di assicurazioni disposta ad assicurare una centrale….

    siamo veramente dei grulli…. poco da aggiungere ;)

    DeiD

  2. seipuntotrentasette

    Vero anche quello. Se poi ci aggiungiamo tutti i pericoli legati al trasporto, allo spostamento e alloggiamento dei materiali combustibili radioattivi… brrrr.
    La gente pensa che ad una centrale gli metti dentro l’uranio direttamente dalla miniera e poi sta lì per sempre (visto che è praticamente eterno!) e siam a posto così, ma il combustibile (come da definizione) si esaurisce e va continuamente sostituito, con tutte le conseguenze del caso.
    Guarda Caorso, son vent’anni che la stanno spegnendo.
    Mah. Non so che pensare.

    Comunque ciao, benvenuto

  3. In Italia chi comanda è sempre e solo capace di guardare indietro.

  4. crisi d'identità... che_nome_mi_dò?

    beh… io ignorando gran parte di ciò che c’è dietro, o dentro, una centrale nucleare ho avuto solo un piccolo, ma proprio piccolo, pensiero… ma poi le scorie le mandiamo tutte in campania? no perchè visto la difficoltà a gestire i rifiuti “normali”, immagino che per quelli tossici, ma proprio tossici, dovremo per forza chiedere ausilio a quelle famose spa…

  5. seipuntotrentasette

    Certo. Su un gruppo di aNobii ho trovato una donna che mi ha detto una cosa del tipo: “Non penso proprio che la camorra sia così stupida da metterci le mani sopra, e giocare col fuoco, anzi con l’uranio… loro almeno avranno amore verso la loro terra.”
    Mmh… già.

    In America organizzazioni indipendenti stanno combattendo per fare rilevazioni perché han trovato dispersioni di materiale radioattivo in discariche convenzionali (sulla gravità della cosa non mi soffermo neanche)
    http://www.nirs.org/radwaste/outofcontrol/outofcontrolreport.pdf

    Questi sono, ad esempio, dei siti:
    Lowry Landfill, CO
    Industrial Excess Landfill, Uniontown, OH
    Witherspoon Radioactive Recycler, Knoxville, TN

    E poi t’immagini il casino che accadrebbe in Italia
    straprivatizzando tutto com’è costume fare, con società che controllano strani giri di materiale radioattivo che possono prendere mille “vie”?
    Davvero si crede che qualche galantuomo con idee strane in testa non pensi a come gestire questo business? Fondi Europei, Statali,
    Regionali ecc…?
    Bah. E’ una miopia tutta nostra.

  6. branding walsh

    mi sa che e’ meglio se rimango qui, ragazzi.

    a bermi la mia acqua antipodes.

    P.S.
    comunque alla fine il mondo non e’ imploso sto mese.

    P.P.S.
    anche se, pensando a certe cose, non so se speraree che imploda il prossimo…

  7. branding walsh

    in effetti, una bella implosione generale risolverebbe sia il problema dei rifiuti in campania che quello delle scorie radioattive.

    beh, per ora lascio che il mio cervello continui ad implodere gradualmente all’interno del mio cranio.

    gia’ oggi non riesco piu’ a pronunciare la z di zara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...