Dell’impossibilità di non comunicare e della possibilità di non capirsi comunque

Pontini sullo Stretto FTW!

Dopo la botta adrenalinica delle tumblerate cui son stato sottoposto si è presentata alla mia porta una coppia di cinesi, che di prima mattina mi ha investito con una valanga di parole. Lì per lì non ero sicuro di quello che volessero significare con le loro espressioni perché parlavano la loro lingua, ovvero veneto stretto: una lingua che io, pur sapendo il cinese, non capisco. Solo dopo alcuni minuti mi son reso conto che volevano comperarmi il blog. Ora -ve lo devo dire- tutte queste cose m’han fatto più male che bene e prima che io qui riempia tutto con banner di Adult Friend Finder urgeva dirvi che oltre a ciò c’è quell’altro problema del tizio coi capelli lunghi che mi son trovato in casa improvvisamente e che appena accendo il computer mi si mette dietro tenendo in mano un dispositivo per il controllo delle nascite. Io davanti allo schermo per stare al gioco e farlo felice devo far finta di arrabbiarmi e scartarlo con le spalle che neanche Maldini. Gli ho spiegato che sugli intertubes funziona diversamente ma niente, sembra non ascoltare, neanche lui. Alcuni pomeriggi li passiamo così, se no mi sta tutto il giorno su divano e mi spiace.

L’altro ieri alla fermata del tram c’era una ragazza, avrà avuto vent’anni, e gli immancabili auricolari del suo iPod nelle sue immancabili orecchie. Tanto che siam lì, le chiedo cosa ascolta:

Ragazza: Niente. E’ che mi son dimenticata di metterlo in carica, non ho batteria. Lo tengo su perché così la gente non mi rompe le balle.

Favoloso -penso- è proprio quello che ho fatto. Forse devi muovere la testa avanti e indietro così sei più credibile, le dico. Ma non, mi raccomando, come fa la Ministra per i Pari Opportunismi. No, no.

Però effettivamente c’è in giro quest’aria per cui la gente debba sempre e per forza rompere le balle. Non so però da dove possa derivare. La nostra è un po’ una cultura individuazista, c’è questa rigidità. Poi io son comunque quello che quando sale sul bus va diretto di fianco all’autista e gli attacca una pezza incredibile su che tariffa ha nel cellulare, se è sposato, se è difficile guidare nel traffico di Milano, dal momento che siamo a Padova. L’autista di solito non mi ascolta: fa finta di avere l’iPod e ogni tanto frena più bruscamente del solito. Lo so perché gli altri passeggeri lo notano.

Comunque a me la vita sembra tutta una cosa strana; ti mette in certe piccole situazioni cui passi attraverso senza accorgertene e che non sai da dove sono arrivate e che non capisci, fino a quando non ci ripensi in un secondo momento. Parlare con gli amici a volte ricade in questa stupenda categoria di esperienze.

Dopo un aperitivo in un’afosa serata di luglio:

seipuntotrentasette: Alla fine credo che le varie metodiche di cartolarizzazione del debito abbiano contribuito non poco, e che anzi siano state adoperate ad hoc, affinché la cosiddetta crisi dei subprime non riecheggiasse all’interno dello stesso sistema che in definitiva ne ha creato le contingenze stesse.

Amico economo: A me mi piace la f**a.

seipuntotrentasette: E’ un’analisi interessante. Forse non priva di pleonasmi, ma interessante.

Alla bancarella di un venditore di pietre e lapislazzuli vari, lungo il corso:

Amica: [indica col dito una pietruzza] Guarda che stupenda epatite!

seipuntotrentasette: -ahem- Bellissima, viene da mangiarsela, vero?

Amica: No no, c’è scritto che viene dall’Africa.

seipuntotrentasette: Beh allora è la migliore.

 Parlottando amabilmente di pomeriggio:

seipuntotrentasette: E’ un po’ di tempo che ascolto i Boards of Canada.

Amica: Ah sì? Pensa te, anche un mio amico ascolta questi Birds of Canapa.

seipuntotrentasette: Forse li fuma.

Amica: Gli piacciono un sacco.

Appena fuori città, all’ora di punta: 

Carabiniere: [alza la paletta, ferma la macchina] Lei andava senza cintura. Favorisca la patente.

seipuntotrentasette: Se per caso ha intenzione di elevarmi una contravvenzione ci pensi due volte, che esco dalla macchina e le do del giustizialista qui in mezzo alla gente e poi tutti allora poi mi danno ragione di brutto.

Carabiniere: Per carità no. Siamo a posto così.

Oh, il potere della parola.

Mi ricordo dei discorsi che facevamo in compagnia, tra una partita a pallacanestro e l’altra, belli tondi e ragionevoli. Allora sì che ci intendevamo fra di noi, ai vecchi tempi, quelli in cui pensavamo che nessun altro ci capisse, come solo gli adolescenti riescono a sentire quel credere profondo che diventa convinzione. Proprio come ora, solo che adesso ne sono molto meno consapevole. Ad esempio, quelli son stati i tempi di folgoranti illuminazioni, quelli in cui per un pur breve periodo stampammo delle magliette di cotone, rosse, con una semplice scritta in bianco:

PRODUCI CONSUMA CREPES

Quell’estate abbiam tutti preso almeno due chili, si capisce.

 

 

 

 

 

Annunci

23 commenti

Archiviato in andare a, irreale

23 risposte a “Dell’impossibilità di non comunicare e della possibilità di non capirsi comunque

  1. cuffie anche per me grazie.
    e pensavo di far pure “mmm mmm mmm”.
    chissà che non mi si lasci in pace veramente.
    anche io ho delle inmacabili orecchie del resto.

  2. seipuntotrentasette

    Pfff, ecco, sei schiava della moda anche tu, con quelle orecchie lì. Non riesco a capire cosa ve ne facciate. Quella intanto non-è-musica-è-rumore.
    :)

  3. seipuntotrentasette

    Ah, a proposito, a chi mi scrive mail dicendomi che su LastFm ci ho la foto che sono triste vorrei dire che son così perché non c’è un caspio da ridere.

  4. Solo per dire che trovo un grande segno di civiltà il diffondersi di ipod, lettori mp3 e similari. Spenti o accesi. Basta obblighi di socialità, basta “mi scusi” “prego” “passi pure” “che ore sono” “cosa fai stasera, si tromba?”
    Ognuno per i cazzi suoi.
    Era ora.
    E infatti pur non essendo ventenne io aipoddo tutto il giorno alla faccia di chi mi guarda male. Anche in scooter, che prima o poi mi ammazzo. Speriamo poi.

  5. crisi d'identità... che_nome_mi_dò?

    oh quanti rimpianti… il mio di ipod ce l’ha il ladruncolo che si è fatto strada nel mio appartamento… ma visto che era un ladro gentile mi ha lasciato le cuffie e il caricatore, così adesso posso mettere comunque le cuffie ed ascoltare la musica che ho dentro di me…
    io invece a socializzare non ho problemi, parlo anche quando ho le cuffie, solo che gli altri non mi capiscono… ma questo anche se le cuffie non ce le ho!

  6. seipuntotrentasette

    Woland, dai speriam non che poi ma di no. Ci son modi ben più epici, romantici. [ah, son contento che hai vinto la causa eh]

    Crisi, ti devo ridare l’iPod.

  7. alba

    mi viene da piangere!

  8. Ed!

    insomma, fatemi capire… oltre alla ragazzina io sono l’unico a cui rompono le palle anche quando ascolto l’iPod veramente (sempre) e ad un volume evidentemente alto?

    Blog molto molto divertente e intelligente. sì sì :)

    Ed.

  9. seipuntotrentasette

    Ed, grazie. Evidentemente ci sono in giro varii 6.37.
    Hai per caso scaricato GoPod? Vacci piano che ti fa male, eh, figliuolo. ;)

    alba: anche a me, credimi. In particolare da quando c’è in giro Sandro Bondi.

  10. Ed!

    azz… m’hai beccato! ;)
    beh con il nuovo iPod però ho smesso di usarlo. In effetti era un po’ troppo altino.

    Grazie per la mail e le belle parole.

  11. L'amico sottosopra

    ma cos’è l’iPod?

  12. seipuntotrentasette

    E’ l’ennesimo tentativo di controllo delle menti cui il Nuovo Ordine Mentale ci sta abituando. Stagli alla larga. Da quello e dalle prese elettriche.

    Ora scappo, che vado a fare una scia chimica su nel ciel.

  13. Cioè vai su un deltaplano e poi fai pipì su tutti noi?

    (tengo buona la dialettica per la multa, si sa mai…)

  14. seipuntotrentasette

    Eh sì, più o meno. Era solo per stare sul versante complottistico. Però mi hai dato una bellissima idea: adesso bevo molta acqua e vado sul balcone a far divertire i vicini del piano di sotto.

    Occhio che la carta del giustizialismo funziona solo in certi periodi storici!

  15. dadenslow

    potere delle parole… con i caramba poi funziona a meraviglia a quanto ho appena letto ;)

  16. Quella cosa delle cuffie la faccio anche io. Soprattutto se è sera tardi e sul pullman non c’è un granché di gente. Effetto garantito.

  17. Ma con ipod intendete tutti l’ipod iPod o valgono anche i Creative, i Sony e il mio scrausissimo Pasen da ebay a 2 lire?

    Perché contro la Apple io m’arrendo.

  18. Eh, ti ringrazio, ora però mi tocca andargli a prendere i soldi e non sarà facile, anche per ragioni geografiche.

  19. _reda_

    io tengo gli auricolari spenti anche per ripararmi dal freddo o per attuttire l’inquinamento acustico. ai seccatori mi piace rispondere semplicemente un po’ brusca invece :) dà più gusto.

    mi affaccio or ora su questo blog… posso darti del genio?? genio!

    saludos

    _reda_

  20. seipuntotrentasette

    Spinoza, vero: ormai l’iPod è diventato un terrificante sinonimo esteso di ‘lettore mp3’, ma noi non ci arrenderemo. Mais!

    Woland, dai, basta la gloria. Mi ricordo che a un mio amico bastava la Gloria, a dire il vero. A lei invece non bastava mai.

    _reda_ grazie, ma siam sicuri di star parlando dello stesso blob?
    :)

  21. _reda_

    …non sono stata convincente?? …strano :)

    _reda_

  22. mi ha fatto morir dal ridere questo tuo post!l’amica che adora l’epatite meriterebbe una disquisizione a parte!

  23. seipuntotrentasette

    Grazie katia. :)
    L’amica, col ditino, mi indicava questa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...