Il miglior amico dell’uovo [Atto II]

Dottore, in questo post ogni tanto non mi torna la consecutio

Come sapete, nel tempo libero lavoro. Quando non lavoro cerco di fare finta di essere sempre di corsa, uh, quante cose ho da fare. Comunque mi capita di dare ripetizioni. Il ragazzo che seguivo fino a questa primavera aveva questa positiva capacità di stupirmi sempre. Eravamo lì che facevamo le equazioni e alla fine come se avesse visto qualcosa di sorprendente esclamava: “Ma non viene!” e si agitava. Io scuotendo la testa, “Tranquillo, tranquillo, è giusto che venga sbagliato.” Lui mi guardava per venti secondi e verso la fine diceva “Ah”. Questo, appunto, è un fedele riassunto di come procedevano normalmente le nostre lezioni; una sorta di canovaccio che si ripeteva. Bei tempi. Se per caso qualche problema di matematica ci veniva, giravamo pagina e lo rifacevamo fino a quando il risultato era inverosimile oppure sufficientemente distante da quello del libro, che naturalmente era questo ad esser sempre sbagliato. Mi rendo conto magari di avergli messo della confusione in testa, al ragazzo, ma sicuramente non più di quella volta che continuavo a dirgli che più che a suo padre assomigliava all’avvocato single –sì, proprio quello che ha il Porsche nero- che vive di sotto, oppure quell’altra in cui impiegai due ore a spiegargli il motore endotermico quando il giorno seguente la verifica di scienze aveva come argomento i gameti. Prese comunque un buon voto, perché la professoressa capì che c’era qualcosa che non andava. “Ma professoressa vede che questo ragazzo qua, si impegna”. “Lui sì, ma io preferirei un suo maggiore impegno”. Io invece penso che se non sarà proprio ferratissimo sulla riproduzione umana e animale può comunque far faville nel cambiare la candela al Booster. Se ce l’avesse, s’intende.

Ma la parte che preferivo era quella in cui potevo fare qualcosa per lui che gli potesse servire per il suo futuro. Qualcosa di esistenziale. Cosa ci vuoi fare, sono fatto così; se non vado a casa che ho fatto qualcosa per qualcun altro non sto bene. Un giorno la conclusione di una lezione sull’antologia di italiano me ne diede un’occasione succulenta: “Vedi, Teodoro, la dimostrazione” -gli dico mentre cammino avanti e indietro per la stanza con l’espressione più austera che riesca a fare, le mani dietro la schiena un po’ curva- “la dimostrazione che son cose non utili sta nel fatto che io ne ignoro sommamente l’esistenza …e che vivo lo stesso”. “Che cosa vuol dire “sommamente”?” “Teodoro, ignoro anche quello. Ma eccomi qui.” Corono quest ultima frase con un piccolo saltino, quasi un sussulto, e un sorriso. E’ per dare più enfisema al discorso, se no questi mica ti ascoltano; ho studiato che hanno la curva dell’attenzione, fino ai diciotto anni, dopo invece no.

Certo: alcuni potranno criticare. Ma io lo so che questo è il modo giusto di educare. Lo so per esperienza diretta; lo so per certo poiché seguo un ragionamento privo di fallacie: io sono stato educato nel modo opposto e guarda come mi son ridotto. A lamentarmi sull’internet di come stanno le cose -ogni cosa- e ad essere anche peggio di persona. A creare utenti fake su aNobii con gli stessi avatar di altre persone ed esporre problemi strettamente personali, intimi e imbarazzanti nei gruppi cui partecipano loro stesse. (L’off topic è ovvio, il ban è probabile, il trastullamento è garantito).

Va beh. Purtroppo è con le professoresse che non è andata mai bene. Mi sentivo come se facessero di tutto per mettermi i bastoni fra i piedi. L’ultima volta che sono andato un po’ a sentire come andava Teodoro una di quelle streghe mi ha messo alle strette, e allora ho dovuto far sfoggio della mia più fine ars oratoria:

“Professoressa, intanto lo sa che frattali”. Dico con aria preoccupata, allargando le braccia.

“Come, scusi?”

“Ho avuto dei problemi con l’antani”.

“Dottore, ma chi crede di prendere in giro?”

“Fola”. 

E’ stato un grave errore da parte mia non aver pensato al fatto che quella generazione sia cresciuta con Amici Miei. Comunque ciò non mi ha fatto desistere dal lanciarmi subito dopo in un monologo di cinque minuti in cui ho legato assieme stretti in una logica ferrea le torri gemelle, le malattie a trasmissione sessuale, Sandro Bondi. La conclusione di questa prolifica discussione è stata una cosa del genere: “Vedi Professoressa [le davo il titolo e il tu assieme deliberatamente -che è una cosa penso perseguibile penalmente in alcune nazioni, tanto è odiosa- per farle tirare fuori il peggio di sé] che ci sono problemi più grossi di questo. Bocciare il ragazzo non renderà certo migliore questo mondo. Almeno non fin quando ci sarà la troupe di Lucignolo in giro”.

Visto che ho palesemente finito con quel lavoro ne ho trovato un altro, stagionale. Vado a censire, verificare e soprattutto certificare tutti i cartelli che indicano manifestazioni del Comune o della Pro Loco che hanno come incipit l’intelligente slogan “E… state con noi” et similia. Devo selezionare i più seccanti e noiosi e naturalmente lasciarli attaccati. Come potete vedere nella vostra città, faccio bene il mio lavoro.

Quelli che non rispettano questi parametri se ne vanno a “E… stare” da qualche altra parte. Io, su questo, sono inflessibile.

 

 

Annunci

20 commenti

Archiviato in irreale

20 risposte a “Il miglior amico dell’uovo [Atto II]

  1. io, coi problemi di matematica, mai avuto problemi a trovare risultati inverosimili :-)
    (comunque ottimo metodo, eh)

  2. seipuntotrentasette

    Grazie. Se vuoi te lo imparo!
    :D

  3. saba

    grandioso geniaccio

  4. Avere uno studente di nome Teodoro è uno dei miei sogni. Andrebbero bene anche Rocco, Saverio oppure Timoteo.

  5. saba, cavoli, grazie.

    Spinoza, sì sono bellissimi. Anche quelli con i nomi composti come Giangiacomo. Se vuoi i Timoteo li ho visti all’Auchan, vengono anche via a poco.

  6. ..dovevo chiamar te quando impazzivo con le equazioni all’università.ordunque,qua a palmi hanno scritto R..estate a Palmi..che dici?banale?lo lasciamo o no?

  7. branding walsh

    io preferisco apocalipse evangelic.

    è composto anche lui.

    E poi non trovo giusto che te la prenda sempre con gli insegnanti. Se non fosse stato per loro non saresti diventato intelligente per puro spirito di contraddizione.

    comunque, minchia, tu che insegni la matematica è la prova definitiva che c’è qualcosa di serio che non va.

  8. branding walsh

    Ah, in riferimento al post precedente. La smetti o no di prendertela con il pilu?

    Ti trovo pedante ed irritante.

  9. branding walsh

    Visto che ormai scrivo i commenti solo 3 per volta, mi prendo lo spazio per una chiosa.

    Sia ben chiaro che io ti redarguisco perché vedo che sono l’unico a farlo.

    Qui ti si loda troppo, Buon dio. No aspetta, buoN dio. No. buon dIo. Minchia, mi ricordo che una andava scritta grossa, memoria canaglia.

    Vabbè, comunque, lo faccio a scopo pedagogico.

    Chi educa l’educatore? Eh. Insomma. Buon diO a tutti.

  10. mi sfugge solo una cosa.
    come si finisce palesemente un lavoro?
    me ne sfugge un’altra (ma questa forse dipende dal giorno presto della settimana (tradotto, è lunedì, cazzo)).
    da quando il ripetitore va anche ai ricevimenti? non è palesemente un insulto al palesemente insegnante?
    mi sembra un dialogo tra insegnanti che si potrebbe leggere così:
    “buongiorno, io sono quello che insegna a teodoro perché lei non è capace”
    “buongiorno, l’ho fatta chiamare perché mi pare che lei, che dovrebbe insegnare a teodoro quel che io non sono in grado di spiegargli, non stia facendo il suo lavoro a dovere”


    “i casi sono due”
    “già”
    “o serve un ripetitore del ripetitore, oppure teodoro è un idiota”
    “oppure entrambe”

  11. continuo a scompisciarmi.

  12. _reda_

    anche io penso di avere un piccolissimo problema con l’antani. ora dimmi – secondo te – si nota??

    _reda_

  13. seipuntotrentasette

    katia, sì dovevi chiamarmi, era sì necessario il mio aiuto. Se il cartellone secondo te è sufficientemente inadeguato e irritante… lasciamolo, anzi R… estiamolo.

    branding, praticamente me l’ha insegnata lui, la matematica. Ammesso che io abbia mai fatto ripetizioni a qualcuno.
    Poi son d’accordo con te di non meritarmi i complimenti, eh.
    :)
    Non sono maiuscole quelle di cui tu parli: tradizione vuole che dopo la mezzanotte le “i” si trasformino in “1”. E così via. Per D1an4.

    Woland, è palesemente usato un po’ per dare più enfisema. Ogni tanto, ma non si nota, butto avverbi qua e là, basandomi per lo più su di una brutta e pesante costruzione delle frasi che diventa nel lungo periodo talora difficile da reggere o quantomeno da tollerare nel caso in cui la frase suddetta fosse di una lunghezza tale da far dire al lettore di non volerne casomai venirne a capo, di quella frase o del discorso intiero addirittura, intendo.
    Poi qui per chi fa lezioni, se il caso è disperato, è usanza andare dall’insegnante per avere delle delucidazioni
    su come procedere specie se chi ne abbisogna ha dei, chiamiamoli, disturbi.
    Io comunque, ssshhh, ti dico un segreto: nulla è mai accaduto di ciò che hai letto. Il tag è irreale.
    ;)

    giffa, grazie grazie. Un bacio.

    _reda_ cara, chi non ha un problema con l’antani, scusa eh!

    Spinoza, ma lo scappellamento è a destra? (Guarda non iniziamo che potrei andare avanti giorni!)

  14. eh ma lo avevo capito che ti credi!
    ragionavo per Assurdo. me lo ha chiesto lui, dice che quando è in vacanza non ha voglia di pensare.
    ciao,
    Teodoro Woland

  15. seipuntotrentasette

    Ahah, bellissimissimo. Uh, io proporrei un Theodoro, che col cognome si lega molto bene. (A mio parer)

  16. crisi d'identità... che_nome_mi_dò?

    commento non attinente in nessun modo nè a Teodoro (povero ahimè, così precocemente illuminato dell’incertezza del sapere e della precarietà del mondo) nè alle povere insegnanti che difendo a prescindere (ma forse mi ci immedesimo un pochino, anche a me non mi capivano tanto ed eran ben più piccoli)…

    ti prego non farlo… io ho comprato solo una volta un libro 100 pagine 1000 lire, ma adesso sarebbe 100 pagine 1 euro e forse non ne vale la pena…

  17. seipuntotrentasette

    crisi, no tranquilla, non lo faccio.

  18. dadenslow

    con la candela del booster hai toccato vette somme di delirio!

    I miei complimenti ;)

    d.

  19. branding walsh

    sara il cemento il tuo punto di riferimento.

    firmato

    Cemento Walsh

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...